Ric_Flair_Hardcore_(3).jpg
Domenica, 21 Ottobre 2018 23:35

PWA: Volcano - Ka Lanakila | 21/10/2018

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)
« Indietro
2/6 Avanti »

 

Data: 15/10/2018
Luogo: The Queens Medical Hospital, Oahu




E' stato portato subito all'ospedale, HANZO, dopo l'infortunio ricevuto ieri sera.
Il suo errore gli è costato caro, devastando la sua spalla destra.
L'Ultimo Samurai è lì, steso sul lettino.
Raggiunto da un medico.

Medico: "Signore, lei si è lussato la clavicola. Viste le premesse, credo sia andata bene.
Inutile dire, però, che le sue attività sono completamente sospese almeno per 8/10 settimane, dopo le quali potrà riprendere ad allenarsi. 
Per sua fortuna la lesione non è così grave da andare sotto i ferri, ma questo dovrebbe decisamente farla riflettere, visto l'errore che le ha causato questo infortunio."


HANZO: "Otto settimane fermo..."

Medico: "E' anche stato fortunato, le ripeto. Abbandoni qualsiasi sport pratica anche per solo svago."

Il giapponese si è ammutolito.
E' frustrato con sè stesso, perchè era un errore evitabile.
Era una manovra evitabile.
In tutto questo il medico è lì, a fissarlo nel suo dolore mentale, più che fisico.
Perchè è quello il problema, la mente, non il fisico.
Il fisico si rimette a posto.

HANZO: "... c'è altro?"

Medico: "Sì, ha una visita. 
Arrivederci."


Il giapponese annuisce, anche se non credeva che nessuno sarebbe venuto a trovarlo.
Torna nei suoi pensieri.
Rilegge le immagini della sera precedente mentalmente.

HANZO: "Stupido."

Non si riesce a dare pace.

HANZO: "Avido."


ML: "Sorpresa!"

Miriam sorride durante il suo ingresso e chiude la porta.

Si avvicina a uno dei due comodini ai lati del letto e poggia il vaso.
Lo sistema e si gira verso HANZO.
Non sorride più.

HANZO: "Ti ringrazio. 
Ma c'è poco da festeggiare, visto cosa ho combinato. Ci credevo troppo."


Il giapponese non lo mostra, ma è felice che ci sia Miriam.
Non per tante cose, ma la loro storia è tutt'altro che finita, visto l'esito del match.
L'unico problema è: quando recupererà completamente?

HANZO: "Perchè quel broncio?"

ML: Mi si legge in faccia, vero?

HANZO annuisce.

ML: "Sai...
Nulla mi avrebbe vietato di salire sul ring al prossimo show e dire di tutto e di più.
La mia classica performance da Magnifica Bastarda. Se ne sarebbe sbattuta di come abbia vinto.
La vittoria è pur sempre la vittoria. Eccetera, eccetera.
Non avrei ricevuto risposta.
Non sarei stata mai soddisfatta.
Non ti devo certo spiegare i motivi."


Miriam vuole vedere come reagisce HANZO.
Il giapponese non si muove, inizialmente.
Inizia a muoversi un po' nel letto, sconsolato.

HANZO: "Io..."

Il giapponese non ha parole, non sa cosa dirle.
E la cosa peggiore è che nemmeno ha iniziato.
Abbassa lo sguardo.
Si sente più sconfitto della scorsa volta.

ML: "Non sono venuta qui solo per sapere come stai.
Purtroppo per te, per colpa esclusivamente tua, sono venuta in veste di stronza.
Non andrò sul ring a parlare, lo faccio con te.
Faccia a faccia.
Qui e ora."


Miriam si avvicina ad HANZO. Sono veramente quasi faccia a faccia.
E' palese che Miriam vuole assicurarsi che HANZO ascolti bene le sue parole.

ML: "Come cazzo ti è venuto in mente di provare quella mossa in quel modo?
Non stavi combattendo contro un maschio con una montagna di muscoli che si muove come un bradipo.
Sarò pure ingrossata un po', ma resto pur sempre una felina.

Ti devo ricordare cosa hai combinato per avere me?
Hai smosso mari e monti per avere me.
Ho vinto il primo match ma ti ho lasciato carta bianca sul secondo.
Ho garantito che ti avrei dato quello che cercavi.
Io volevo che il match di ieri passasse alla storia come il match più lungo e indimenticabile della storia di Volcano.

E tu che fai?"


Silenzio che dura pochi secondi ma che sembrano lunghissimo per entrambi.

ML: "Sono decisamente delusa.
No.
Di più.
Sono veramente incazzata."


E' incazzata sul serio perchè stringe così forte il pugno che le nocche si sbiancano.

ML: "Se ti chiedessi se vorrei strapparti quella clavicola...
La risposta è...

Assolutamente sì!

Con che coraggio ti farai rivedere di nuovo?
Il match ha mostrato la verà realta. Ciò che più temevo.
Io veterana, tu pivello.

E ora che faccio?"


Miriam sembra sconfortata dal fatto che HANZO sarà out per parecchio tempo e forse non avrà un avversario valido per chissà quanto tempo.

HANZO: "Non lo so. 
Non lo so, va bene? E' difficile. Pensi che volessi finirci io in questa situazione?
Cosa pensi che farò, tornare in Giappone e non farmi vedere mai più?"


Reazione di stizza dell'Ultimo Samurai.
Che respira, affannosamente.
Che si è già pentito di ciò che ha fatto.

HANZO: "Scusa..."

Piccola pausa, tra i due.
Nessuno vuole continuare la conversazione.

HANZO: "E' inutile che mi aspetti.
Ed è ormai chiaro che lì fuori è pieno di gente che ti soddisferà più di quanto abbia fatto io.
Tornerò, avrai quel che vuoi, ma per ora..."


Il giapponese abbassa nuovamente lo sguardo.

HANZO: "Sono stato sconfitto.
Da me stesso."


Il giapponese dunque prova a muoversi.
Vorrebbe alzarsi, andare alla finestra, ma compie l'errore di appoggiarsi sulla spalla infortunata.
Il suo urlo avrà svegliato sicuramente tutti i pazienti dell'ospedale.

HANZO: "Tornerò..."

« Indietro
2/6 Avanti »
Letto 326 volte